MUSICA

Bobby Solo, una vita dedicata alla musica!

E’ il re indiscusso del “Rok and Roll “ Italiano, da poco ha raggiunto la soglia dei 70 anni , festeggiandolo con l’uscita di un nuovo album ed e’ rimasto un eterno ragazzino!

Stiamo parlando di Bobby Solo, un istituzione musicale per gli Italiani nel Mondo , ha fatto innamorare intere generazioni con le sue canzoni , da

“ una lacrima sul viso” a “gelosia” , sino alle nuove soronita’ pacate e raffinate che propone oggi, nei suoi ultimi lavori , dove puo’ esprimersi liberamente, senza nessuna imposizione da parte di case discografiche, come lui afferma.

Nell’immaginario comune di ogni Italiano , c’e’ ancora quel Bobby Solo con brillantina e ciuffo alla Elvis Presely , con lineamenti delicati, occhi profondi e labbra carnose , che entro’ per la prima volta nelle case degli Italiani , nel Sanremo del 1964 , con “Una lacrima sul viso”, scritto appositamente da Mogol, in quell’occasione non riusci’ a portare a casa la vittoria perche’ per un calo improvviso di voce, dovette cantare in playback , per la prima volta in assoluto al Festival di Sanremo! Ma la sua canzone fu’ un successo incredibile, non solo in Italia ma anche all’estero, con oltre 2 milioni di dischi venduti, 8 settimane di podio in classifica e un disco d’oro!

Ma nel 1965 arrivo’ anche la vittoria a Sanremo con la canzone : “ se piangi se ridi”, altro successo straordinario in tutta Europa! Podio che riconquistera’ nel Sanremo del 1969 con “zingara”. La sua ultima partecipazione a Sanremo risale al 2003 quando in coppia con Little Tony canta “ non si cresce mai”.

Oggi, dopo piu’ di 50 anni di carriera musicale, il tempo sembra essergli scivolato addosso ed ho voluto intervistarlo in esclusiva , per scoprire qualcosa di inedito sull’artista ma anche sull’uomo Bobby Solo…

  1. Ciao Bobby, ci vuoi raccontare della prima volta che hai capito che la musica era la tua vita e hai iniziato a cantare? Ricordo che a 14 anni ero un bambino timido,impacciato e insicuro, e avevo un amico muscoloso che mi proteggeva dai bulli , ero l’ultimo della classe…un po’ imbranato e sognavo di fare il ferroviere! Mi sono innamorato di una ragazzina di 14 anni , certa Betzi , figlia di un giornalista del New York Tribute inviato a Roma , e lei mi parlava sempre di Elvis Presley, fu’ infatti conoscendo Elvis che inizio’ la mia passione per la musica…andai a vedere il suo film al cinema “Il delinquente del Rock & roll”( film del 1957 ) e ne rimasi folgorato! Tutto ebbe inizio cosi’!

2) Sei credente? Si io sono molto credente e la fede per me come per mia moglie sono fondamentali nella vita! Lei e’ un po’ piu’ praticante di me…io sono un po’ piu’ pigro…ho anche ricevuto un miracolo a Lourdes, quando mi sono recato in pellegrinaggio a seguito di un emorragia alle corde vocali, e la Madonna di Lourdes mi ha guarito, in modo inspiegabile…per cui per me e’ stato un Miracolo!

3) Cosa pensi di Papa Francesco? Credo sia un uomo stupendo e meraviglioso Papa Francesco!

4) Se ti chiamassero, torneresti a Sanremo in gara? Se dovessi andarci, ci andrei solo con una canzone scritta da me….tutti i miei piu’ grandi successi li ho scritti io!

5) Cosa pensi dei talent televisivi? Non mi piacciano! Non condivido il fatto che un artista debba essere giudicato da altri…mi hanno offerto di fare il giudice a XFactor…ma ho rifiutato!

6) Quali sono le canzoni che hanno significato tanto nella tua lunga carriera musicale? Una lacrima sul viso…zingara…non ce’ piu’ niente da fare…se piangi se ridi…

7) Quale giovane artista di oggi credi riuscira’ a durare nel tempo come te? Non saro’ io a giudicare e nessun altro…all’infuori del pubblico!

8) Nuovi progetti futuri ? Continuare a fare musica, senza sosta…questo e’ il mio piu’ grande progetto!

Maximo De Marco

Maximo De Marco e' uno scrittore,regista e Art Director di fama Internazionale, Premio Cavallo D'Argento RAI.

Dal 2018 e' Membro ufficiale dell'UNESCO come Art Director Internazionale.

Attualmente scrive per numerosi settimanali Nazionali Italiani : TUTTO,STOP ESCLUSIVO,TOP,IN FAMIGLIA,MIRACOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *