SPIRITUALITA'

Cardinal Konrad Krajewski, l’Elemosiniere Santo di Papa Francesco

Quando mi recavo nella chiesa di Santo Spirito in Sassia a Roma , ogni giorno alle 3 di pomeriggio, per la recita della coroncina della Divina Misericordia , in quella stessa chiesa dove mi sono consacrato il 5 ottobre del 2007 a Gesu’ Misericordioso da laico, ritrovavo la pace nel cuore, quella preghiera mi scavava nel profondo dell’anima , facendo posto ad un senso di pacatezza spirituale che mai in nessun altro posto riuscivo ad assaporare!

Questo senso di serenita’ costante dentro di me, veniva confermata e solidificata nel momento del sacramento della confessione, al termine della recita della coroncina, dove sulla destra della chiesa ad aspettarmi nel confessionale c’era un silenzioso sacerdote con occhi che perforavano l’anima!

Era padre Konrad Krajewski , nominato elemosiniere di Papa Francesco e da poco innalzato a Cardinale !

Padre Konrad, sacerdote polacco, e molto devoto a Santa Faustina Kowalska ,

per tutti gli anni della mia conversione che ho vissuto a Roma e’ stato il mio confessore e inconsapevolmente e tacitamente il mio padre spirituale …

Ricordo che ogni qualvolta correvo sconsolato in quel confessionale , sapendo che c’era padre Konrad , il mio cuore ritrovava immediatamente la pace tanto desiderata! Nell’istante in cui entravo in quel piccolo confessionale e i miei occhi incontravano gli occhi del padre, subito mi sentivo rassicurato…

non appena mi diceva : “ di cosa vuoi chiedere perdono a Gesu’ oggi? ”

Il mio cuore iniziava a battere forte, perche’ sapevo che Gesu’ era li’ a porgere il suo orecchio, pronto ad ascoltare le mie sofferenze interiori e a perdonarmi con la sua infinita misericordia! Padre Konrad aveva sempre una parola di conforto , la sua voce profonda e pacata , sembrava provenire direttamente dalla Croce di Cristo … le lacrime scendevano da sole , senza neanche che me ne accorgessi, una volta ricevuta l’assoluzione e l’anima per la leggerezza che rangiungeva , sembrava quasi lievitare verso il cielo!

Da Padre Konrad in tanti anni di confessione ho portato tante pecorelle smarrite , tanti figliol prodigo, come lo ero e lo sono io!

E a tutti e’ parso come sentire il Padre che li riabbracciava dopo tanto tempo di lontanzanza…

Io ero consapevole del dono che Gesu’ mi aveva fatto , di avere un Santo come confessore e una guida spirituale preziosissima come Padre Konrad.

Papa Francesco ha saputo cogliere questo dono nominandolo suo elemosiniere…inviando Padre Konrad nei vicoli bui di Roma, in soccorso ai poveri e ai sofferenti! Fu lo stesso Bergoglio, nel nominarlo, a spiegargli che non doveva essere un vescovo da scrivania ma il suo prolungamento concreto tra i poveri e gli ultimi: «Le mie braccia sono corte adesso, se le prolunghiamo con le tue braccia riesco a toccare i poveri di Roma e d’Italia, io non posso uscire, tu sì» e così è stato!

Dal giorno della sua nomina ad elemosiniere del Papa , sino ad oggi, padre Konrad ha condotto un opera continua di carita’ verso i piu’ bisognosi, adempiendo al volere del Papa ma prima ancora ascoltando il volere di Dio!

Ha aiutato centinaia di famiglie povere, migliaia di profughi, centinaia di senza tetto, ha fatto aprire una grande struttura nei pressi di San Pietro, per permettere ai poveri di potersi lavare, e quando gli si chiede di questo progetto, lui con infinita’ umilta’ risponde : «Non facciamo nulla di straordinario! dare alle persone la possibilità di lavarsi fa parte dell’abc di una comunità, a Roma tutti i bagni sono chiusi, ma sono esigenze elementari, dove dovrebbero andare queste persone? E io come pastore come posso parlare loro del Vangelo quando ho di fronte chi innanzitutto ha esigenze del genere? S

Siamo al centro dell’Europa… mica in Africa! eppure la Città eterna non offre la possibilità di un bagno aperto, una cosa fondamentale. Come in una famiglia i genitori provvedono a dare da mangiare a un bambino e a soddisfare le sue esigenze primarie perché poi possa crescere da solo, così noi dovremmo dare ai più poveri i servizi essenziali, così magari loro potranno avere anche una chance di reinserimento nella società».

E quando il 20 maggio del 2018 , Papa Francesco ha annunciato la sua creazione a Cardinale nel Concistoro del 28 giugno. In quell’occasione, Padre Konrad Krajewski ha dichiarato : “Questa porpora è per i poveri”!

Ed e’ sempre stato cosi’ in concreto…poiche’ attraverso i sofferenti Padre Konrad rivede il Gesu’ sofferente della passione, cosi’ come fece nel soccorrere la moltitudine di profughi arrivati sulle coste italiane , come egli stesso riferisce dalle sue vive parole : ono stato vicino ai sommozzatori, ero sul gommone mentre loro si immergevano. Io pregavo e loro mi abbracciavano, una cinquantina di persone che si alternavano a scendere. Ogni 27 corpi recuperati si tornava al porto. Era la prima volta che qualcuno era vicino a loro. Ho dato loro i rosari, sapevano che il Papa era vicino tramite il suo inviato, erano più sereni e portavano il rosario con loro».

Cosi ha fatto anche con gli anziani , rimasti soli ed abbandonati da tutti, andando a visitare tutte le case di riposo di Roma : “Ho iniziato a visitare le case per anziani di Roma. Vado in ogni stanza, abbraccio tutti e lo faccio a nome del Papa, per loro è un grande dono perché nessuno li va a trovare. Sto con oro mezza giornata, poi lascio un rosario e loro pregano per il Papa!”

Tutto questo e’ Padre Konrad Krajewski..l’elemosiniere Santo di Papa Francesco…

Maximo De Marco

Maximo De Marco e' uno scrittore,regista e Art Director di fama Internazionale, Premio Cavallo D'Argento RAI.

Dal 2018 e' Membro ufficiale dell'UNESCO come Art Director Internazionale.

Attualmente scrive per numerosi settimanali Nazionali Italiani : TUTTO,STOP ESCLUSIVO,TOP,IN FAMIGLIA,MIRACOLI.

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *