MODA

Giuseppe Fata…quando la moda ha un anima.

Provate ad immaginare un quadro di Michelangelo o di un artista piu’ contemporaneo come Picasso e pensate per un solo istante di fodere questi capolavori della pittura, nel magico mondo della Moda…dove tutto e’ possibile…ed ecco che viene fuori una straordinaria fusione tra arte pittorica e moda, attraverso un genio creativo dei nostri giorni…stiamo parlando di Giuseppe Fata!

I suoi accessori come i copricapo e le collezioni che presenta nelle varie sfilate, sono imponenti e sontuosi capolavori , che lasciano senza fiato…

Oggi Giuseppe Fata e’ il piu’ insigne e rappresentativo stilista del Made in Italy nel Mondo! A cui gli e’ appena stato conferito a Dubai l’Oscar della Moda : “il Golden Lady Awards”!

Ha conquistato le passerelle della Fashion Week di Milano 2019 ottenendo un successo enorme di pubblico e di critica e quelle di Parigi , da poco conclusasi, dove ha aperto le sfilate con un tributo a Karl Lagerfeld che ha sbalordito tutti, per la bellezza delle sue creazioni!

Giuseppe Fata lo definirei lo stilista dei faraoni! Perche’ se fosse vissuto ai tempi della regina Cleopatra, di sicuro sarebbe stato il suo stilista esclusivo!

Vincitore della rosa d’oro di Parigi nel 2002 e nominato Ambasciatore di moda e di stile dal Comune di Roma, ha gia’ incontrato nel suo percorso professionale Star mondiali come : VIRNA LISA, WHITNET HOUSTON, RANDY CRAWFORD, BRYAN FERRY, CLAUDIA CARDINALE, MARIA GRAZIA CUCINOTTA; ANASTASIA, NATALIE IMBRUGLIA!

Simulacrum e’ l’ultimissima collezione Head Sculpture Design di Giuseppe Fata ”.

una sorta di misticismo della bellezza…un opera che nasce dall’anima per colpire il cuore e meravigliarci…

Per la prima volta la moda diventa spiritualita’ raggiungendo un connubio che eleva a qualcosa di piu’ in alto …diventando quasi un linguaggio divino che esalta la fede e la sacralita’ del credo cristiano.

  1. Ciao Giuseppe tu sei considerato uno degli stilisti piu’ rappresentativi di oggi del made in Italy nel Mondo! Come ti fa’ sentire questo?
    FATA: per me è un motivo di orgoglio ma soprattutto grande responsabilità e un costante impegno a poter continuare a rappresentare al meglio il nostro Made in Italy fatto dì creatività ma soprattutto di buon gusto riconosciuto nel mondo. tutto ciò è grazie a nomi importanti della moda che mi hanno trasmesso negli anni. Posso ritenermi fortunato di aver lavorato davvero con tutti i grandi.
    2) La critica ti ha definito “Il genio dell’arte sulla testa”per le tue creazioni…da dove nasce la tua ispirazione?
    FATA: la definizione del “il genio dell’arte sulla testa” mi è stato attribuito all’università di Parigi in un’occasione di una prestigiosissima premiazione alla presenza della stampa e dall’Haute Couture di Parigi. L’ispirazione nasce grazie alla bellezza del nostro patrimonio artistico culturale Italiano e li che trovo tutto ciò che la mia ispirazione ha bisogno di respirare e nei momenti di solitudine nasce una mia creazione amo stare in silenzio e solo per sognare.
    3) Tu sei molto amato anche dalle Star del cinema e della musica, hai avuto modo di conoscere divi come Sofia Loren o Witney Houston! Quale e’ stato l’incontro piu’ emozionante per te?
    Sono due donne straordinarie Sofia Loren per la sua personalità e carissima cinematografica Witney Houston mi emoziona da sempre per la sua voce è per la sua dolcezza in quell’ incontro indimenticabile. Non posso non dimenticare l’incontro con Papa Giovanni Paolo || quella è stata una emozione diversa e particolare in quanto io sono molto credente.
    4) La citta’ di Roma ti ha insignito della nomina di “AMBASCIATORE DI MODA ARTE E STILE ITALIANO” sei orgoglioso di questo riconoscimento?
    FATA: assolutamente si… ricevere dei riconoscimenti così importanti non può che farmi sentire fiero.
    5) Dal 2017 Sei Direttore Creativo & Presidente di Haute Couture Vision Milan –Paris– New York ce ne puoi parlare?
    FATA: Haute Couture Vision è un progetto legato alla mia arte delle Head Sculpture Design che coinvolge oltre i nomi importanti della moda di cui collaboro ma è indirizzato soprattutto ai giovani fashion designer che attraverso le mie opere gli creo una importante visibilità e così posso dare un mio contributo a sostegno la nuova generazione del nostro Made in Italy.
    6) Quest’ anno hai ricevuto il “Golden Lady Awards” a Dubai…equivalente al Premio Oscar per la moda!Questo traguardo straordinario ti crea tensione per il peso che comporta portarlo avanti o ti riempie di enorme soddisfazione?
    FATA:non avrei mai immaginato di poter ambire a dei premi così importante come l’Oscar della moda e del Designer di Dubai e poi consegnato dal Ministro della Cultura e da un rappresentante della famiglia Reale mi sembrava un sogno che poteva succedere a me. Riempie di gioia e di grande soddisfazione che la mia arte così unica viene ormai riconosciuta in tutto il M\ondo. In quei momenti della consegna ho pensato alla mia famiglia che avrei voluto avere lì accanto a me. Devo tutto a loro se oggi sono questo.
    7) Che rapporto hai con gli altri grandi stilisti Internazionali? Con chi ti senti piu’ in simbiosi?
    FATA: io sono dell’ avviso che si debba aver rispetto delle persone e della propria arte , può piacere come non può piacere. Io ho un buon rapporto con tutti in quanto sono una persona che apprezza il bello è la creatività quando si distingue…non provo nessuna gelosia, in quanto guardo ciò che posso migliorare in me per portare avanti la mia arte….
  2. Hai da poco terminato la fashion week di Milano, che esperienza e’ stata per te?
    FATA: Milano mi ha dato e continua a darmi molto da sempre. Anche in questa edizione di Milano fashion Week , posso ritenermi soddisfatto… per il successo della nuova collezione di Head Sculpture “ROYALTY”. In più ha folgorato tutti il mio tributo all’ imperatore degli stili Karl Lagerfeld. anche questo pezzo unico, ha avuto un grande successo di apprezzamenti.
    9) Donatella Versace ha avuto a Milano come Testimonials della sua collezione JLO ,tu chi sogni di avere in una delle tue prossime collezioni come Testimonials?
    FATA: Se oggi fossi qui con noi avrei voluto Gianni Versace come mio testimonial in una mia sfilata. Lui come me calabrese baciati dal mito Magna Grecia.
    10) Alla fashion week di Parigi hai presentato un tributo a Karl Lagerfeld…il Dio sacro della moda, ti senti molto legato alla sua figura?
    FATA: Karl è stato e continua a essere una figura forte e carismatica ma penso che mi lega come lui Parigi , in quanto questa città già dal 2002 ha subito apprezzato e abbracciato Giuseppe Fata e la sua arte.
    11) Le tue considerazioni sulla Fashion week di Parigi?
    FATA: La mia considerazione sulla fashion week di Parigi e che ritorno sempre con piacere, una cosa vorrei aggiungere , Parigi ha qualcosa che noi italiani dovremmo soffermarci a pensare e chiederci: “ ma quanti stilisti ha avuto e quanti ne continua ad avere l’Italia …che vengono apprezzamenti in tutto il mondo?”
    12) Tu crei collezioni che riportano ai fasti dell’antico Egitto…sei affascinato dalle grandi civilta’ del passato?
    FATA: Senza passato non ci può essere futuro. Si mi affascina molto il passato e le grandi civiltà. Come ho già detto sono calabrese dove nasce la cultura e il mito Magna Grecia, che in ogni modo sento e sicuramente ha influenzato tutte le generazioni.
    13) Se dovessi definirti umanamente come ti definiresti? E professionalmente?
    FATA: Una persona semplice e umana aldilà del percorso professionale sono rimasto il ragazzo umile e semplice di Calabria. Professionalmente sarà la storia a dirlo…
    14) Ma il mondo della moda e’ cosi’ tanto irreale e distaccato dalla vita reale come tutti credono ?
    FATA: Posso dire che io ho scelto sempre e comunque di vivere il mondo della moda con distacco, viverla a modo mio… Sono molto legato alla famiglia..non mi sono mai fatto coinvolgere dai lati oscuri della moda…ho assorbito solo la parte della bellezza che trasmette luce.
    15) Con quale criterio scegli i tuoi modelli e modelle per le tue sfilate?
    FATA: Per me il modello o modella non deve essere bambola, ma cerco il difetto che rende bello il mio criterio di scelta.
    16) Le tue creazioni appaiono quasi “metafisiche”…chi potrebbe indossarli e in quali occasioni?
    FATA: Potrebbero indossarli tutti, sono opere uniche e indossandole si può capire il significato della Testa Scultura “ la testa fa l’arte… perché il capo e l’arte dei nostri pensieri”.
    17) Altri prossimi obiettivi da raggiungere?
    FATA: Stiamo lavorando a una linea di Teste Sculture da Design Home è una linea di accessori che saranno presentate nel 2020.
    18) Un tuo grande sogno nel cassetto?
    FATA: Il mio grande sogno e questo essere riuscito a far crescere quel sogno che avevo da bambino, di realizzare qualcosa di unico e di diverso ed essere identificato oggi come “Fata Head Sculpture Design”
    19) Progetti imminenti ? Qualche anticipazione in anteprima?
    FATA: Sto’ realizzando un’opera unica sul SALVATOR MUNDI di Leonardo Da Vinci.
    20) Definisci con un aggettivo i piu’ importanti stilisti Italiani Armani,Dolce&Gabbana,Valentino,Versace,Cavalli…
    FATA: Armani imprenditore, Dolce&Gabbana tradizione, Valentino eleganza, Versace International Magna Grecia,
    21) Quanto tempo ti porta via in una giornata il tuo lavoro come stilista?
    FATA: La mia giornata inizia alle 7 del mattino e finisce alle 20 di sera
    22) Il tuo lavoro e’ la passione della tua vita o e’ semplicemente un lavoro che ti appassiona?
    FATA: Non ho scelto io il mio lavoro ma è stato l’amore è la passione che sento dentro di me per la moda a scegliermi!

23) La tua ultima creazione “Simulacrum” e’ un inno alla sacralita’…ce ne parli?

FATA: Questo progetto, legato alla mia attività di designer, fa parte della sezione Head Sculpture Design e riguarda l’arte sacra. Per sapere cosa mi ha spinto a produrre queste opere dovremmo tornare indietro alla mia infanzia, e al legame con la religione cristiana. Sin da piccolo ho frequentato la chiesa e, anche grazie alla mia famiglia, ho potuto portare avanti sani principi insieme alle suggestioni che mi suscitava l’arte sacra e profana. C’è stato un momento in cui avevo pensato di intraprendere un percorso ecclesiastico, un pensiero che ereditavo da un famigliare, noto abate calabrese. Ma, intraprendendo altre strade, ho mantenuto il desiderio di creare e fare arte, per me e per la comunità.

Maximo De Marco

Maximo De Marco e' uno scrittore,regista e Art Director di fama Internazionale, Premio Cavallo D'Argento RAI.

Dal 2018 e' Membro ufficiale dell'UNESCO come Art Director Internazionale.

Attualmente scrive per numerosi settimanali Nazionali Italiani : TUTTO,STOP ESCLUSIVO,TOP,IN FAMIGLIA,MIRACOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *